Restauro estetico statuina pubblicitaria Redman

OGGETTO
Statuina pubblicitaria in maiolica invetriata rossa con basamento nero e scritta a rilievo bianca  REDMAN.
Altezza: 20cm
Epoca 1960 circa
Redman era un’azienda concessionaria per i tessuti del Lanificio Cerruti 1881

STATO DI CONSERVAZIONE

La statuina presenta notevoli rotture già incollate nelle braccia, nel collo e manca di una mano. Il cappello è lacunoso della tesa.

RESTAURO

L’oggetto è arrivato nel mio studio già restaurato, con colla siliconica bianca molto evidente e che tende a essere molle, per la conformazione della colla stessa non adatta alla ceramica.
Dapprima ho dovuto scollare l’oggetto ed eliminare tutti i residui di colla preesistenti con bagni prolungati in acetone. Quindi, dopo qualche giorno di attesa per l’evaporazione completa dell’acetone, ho incollato nella maniera appropriata i pezzi con resina epossidica bicomponente.
Per la ricostruzione ho optato per gesso duro da ortodonzia e mastice bicomponente da marmi; con quest’ultimo ho ricostruito le parti mancanti, quali la tesa e la mano.
Per la stuccatura delle crepe ho usato prima, come riempitivo, stucco in pasta e successivamente, per finire, stucco alla nitro di mia composizione.
La carteggiatura e la rifinitura della stuccatura sono operazioni ripetute fino a 6-8 volte, per ottenere una superficie liscia che nasconda la linea di frattura.
Con colori a diluente utilizzati ad areografo ho creato, solo sulle stuccature, una base rossa sulla quale, a colore asciutto,  sono intervenuta con colori acrilici a base d’acqua per i ritocchi neri e ocra gialla. Verniciatura finale con vernice bicomponente per rendere la lucentezza della vetrina.

CONSIDERAZIONI FINALI

Il restauro di un oggetto è corredato da molto studio. Il mio approccio è per primo dedicato allo studio del materiale, in seguito alla fattura e al marchio della manifattura. Mi soffermo molto anche sulla ricerca della sua storia, che, come in questo caso, ha radici molto importanti.
Lo stesso studio lo dedico ai materiali da utilizzare per il restauro che non sono mai uguali e variano da oggetto a oggetto e anche da parti dello stesso oggetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *